Droni e smart glasses: le nuove tecnologie al servizio delle TLC

Manutenere le infrastrutture di telecomunicazioni senza mettere in pericolo i tecnici e offrire un modello innovativo di intervento a distanza sempre più completo ed efficiente: con questi obiettivi Ennova ha rivoluzionato il mondo dell’assistenza tecnica alle TLC grazie all’utilizzo di droni e smart glasses. Nata nel 2010 e sviluppata nell’incubatore I3P del Politecnico di Torino, Ennova conta ora oltre 1.200 dipendenti e più di 4 milioni di interventi di assistenza tecnica l’anno.

I Droni per luoghi pericolosi e difficilmente raggiungibili

Il progetto di Ennova prende il nome di Maintenance ed è rivolto alle TELCO che hanno bisogno di controllare a distanza la manutenzione ordinaria, preventiva o straordinaria nonché di valutare danni o guasti all’infrastruttura anche in aree geografiche remote o non facilmente accessibili. Il tutto, senza dover spostare un intero team di tecnici sul posto, ma affidandosi agli occhi digitali dei droni.

I droni professionali utilizzati da Ennova sono in grado di inviare in streaming immagini ad alta definizione. Le informazioni raccolte dal drone vengono trasferite alla piattaforma tecnologica appositamente sviluppata da Ennova, che permette di compilare una scheda intervento completa di fotogrammetria 2D e video con tutti i punti di interesse e generare quindi la richiesta di intervento. Con l’ausilio dei droni guidati da piloti addestrati e con lo sviluppo di una specifica piattaforma IoT, Ennova è già pronta a supportare le future esigenze relative alla realizzazione e gestione delle infrastrutture di rete 5G in Italia.

“Spesso richieste di intervento di manutenzione riguardano aree del territorio che non sono sempre facilmente raggiungibili a causa di specificità dell’area geografica: presenza di vegetazione, strade interrotte, dislivelli e situazioni di pericoli per l’operatore Telco”, spiega Sandro Pompei, Direttore Operation di Ennova Services. “Grazie all’utilizzo dei droni siamo in grado di raggiungere questi luoghi senza mettere a rischio la sicurezza dei nostri tecnici effettuando la manutenzione da remoto”.

Smart Glasses per interventi specialistici da remoto
Supporto digitale e di manutenzione a distanza sono ancora più efficienti grazie agli Smart Glasses a Realtà Aumentata: Ennova ha infatti stretto una partnership con HeadApp, startup torinese specializzata nell’implementazione di dispositivi wearable a Realtà Aumentata, che vanta tra i fondatori Maurizio Cheli, primo astronauta ad aver avuto il ruolo di mission specialist durante la missione STS-75 del Programma Space Shuttle. Testati con successo nel campo dell’aviazione, gli Smart Glasses di HeadApp trovano ora impiego anche nel mercato Industry 4.0: vengono infatti utilizzati da Ennova per migliorare l’interazione campo/Control room e la comunicazione di dati in tempo reale a distanza.

Ennova, che si contraddistingue per l’utilizzo della piattaforma proprietaria One Solution per la gestione integrata di differenti tipologie di Tecnici sia da remoto che presso il cliente, offre dunque grazie agli Smart Glasses la possibilità di intervenire con servizi di diagnostica e azioni risolutive anche a distanza – laddove è impossibile intervenire direttamente da remoto -, assicurando una fattiva collaborazione tra risorse distribuite sul territorio nazionale e internazionale e supportando in particolare gli operatori che devono lavorare in contesti critici o difficilmente raggiungibili in breve tempo.

I tecnici sul territorio utilizzano, infatti, gli Smart Glasses con telecamera integrataper collegarsi con il centro specialistico e consentire allo specialista da remoto di guidare l’intervento tecnico. Gli specialisti nella Control Room di Ennova visualizzano il campo di azione del tecnico e comunicano con lui attraverso streaming audio e video e una innovativa chat direttamente sugli Smart Glasses. In questo modo, il manutentore viene supportato da remoto e guidato, se necessario, step by step, senza la necessità di inviare un esperto in loco.

“Si tratta di una soluzione innovativa alla quale stiamo lavorando da tempo con grande determinazione e che ci permette oggi di velocizzare gli interventi risolutivi e ridurre i costi, aumentando allo stesso tempo il livello qualitativo del servizio”, commenta Fiorenzo Codognotto  Presidente del gruppo Ennova.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: