Guardare serie e film in streaming costa fino a 30 euro l’anno in bolletta: lo studio di Selectra

Con l’arrivo del freddo e le giornate che si fanno più corte, aumenta la voglia di trascorrere la serata in casa, rilassandosi con un film o con la propria serie preferita. A questo si aggiunge la sempre più ampia scelta proposta dalle piattaforme di streaming (Netflix, Timvision, Infinity, NOW TV, Disney+, Amazon Prime Video, Eurosport Player, DAZN, Disney+, ecc.).

Caratteristica principale di queste piattaforme è quella di mettere a disposizione i contenuti online che possono essere guardati da computer o da televisione, anche senza bisogno di scaricarli.

I cataloghi di queste piattaforme vengono ospitati all’interno di energivore serverfarm sparse per il mondo, ma ogni film o episodio guardato dai propri dispositivi in casa ha una ricaduta anche sulle bollette della luce degli utenti: a fare i conti è Selectra (selectra.net) – il servizio gratuito che confronta e attiva le offerte di luce, gas e internet per aziende e privati – che ha realizzato uno studio per calcolare quanto incida in bolletta la visione  di contenuti su piattaforme streaming.

Oltre all’abbonamento (mensile o annuale) alla piattaforma streaming preferita, bisogna infatti considerare i consumi in termini di utilizzo del televisore o del computer e del modem. I costi variano a seconda del mezzo che si utilizza per guardare un film o una serie in streaming (computer, con una potenza media di 65W, o tv, con potenza media di 130W), del tempo medio di riproduzione giornaliero (mezz’ora o due ore) e della tipologia di contratto di fornitura che si ha (ovvero se si ha un’offerta nel Mercato Libero o nel Tutelato). Il tutto tenendo conto anche dell’utilizzo del modem, la cui potenza media è di 10,4W.

Con un utilizzo del televisore per guardare un contenuto in streaming per una media di  2 ore al giorno si arriva a spendere 21,12 euro all’anno per chi ha una fornitura sul Mercato Libero. Il costo sale a 30 euro invece per chi è rimasto nel Tutelato.

Di fatto, calcola Selectra, si arriva a consumare fino a 102 kWh l’anno e ad emettere circa 41 kg di CO2. Si tratta dello stesso consumo di kWh che si ha in casa utilizzando elettrodomestici come il forno elettrico per 52 ore, l’aspirapolvere per 57 ore, il phon per 56 ore, oppure la lavatrice per 110 ciclie la lavastoviglie per 102 cicli.

Si spendono invece 11,4 euro all’anno se i contenuti in streaming vengono fruiti tramite PC con una fornitura sul Mercato Libero, che permette di risparmiare circa 5 euro l’anno: sul Tutelato infatti spende fino a 16,08 euro l’anno.

Guardare in televisione ogni giorno un episodio in streaming della durata di circa 30 minuti porta invece a spendere 5,28 euro all’anno sul Libero e 7,44 sul Tutelato. Tramite PC i consumi si abbassano e di conseguenza anche i costi: si calcolano 2,88 euro l’anno sul Libero e 4,08 euro sul Tutelato.

Redazione Gogeek

La redazione di Gogeek.it

    Redazione Gogeek has 378 posts and counting. See all posts by Redazione Gogeek

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: