Io Sono Nessuno: la recensione del nuovo film con Bob Odenkirk

Se state preparando una wishlist di film per allietare questa precaria estate 2021, appuntatevi il titolo Io Sono Nessuno, il nuovo lavoro di Il’ja Najšuller, perché vale davvero la pena vederlo. Il regista e musicista russo è al suo secondo lungometraggio dopo Hardcore! (2015), un esordio che ha diviso la critica, ma memorabile in quanto girato interamente con telecamere GoPro e perché vanta la partecipazione nientemeno che di Tim Roth.

Najšuller torna con Io Sono Nessuno, un film che mescola black comedy ed action thriller e che vede come protagonista un inedito Bob Odenkirk (Better Call Saul) affiancato da Connie Nielsen (Wonder Woman), RZA (I Morti Non Muoiono), Christopher Lloyd (Ritorno al Futuro) e AleksejSerebrjakov (McMafia). Il film arriverà nelle sale italiane il prossimo 1 Luglio.

Io Sono Nessuno racconta di un uomo dalla vita apparentemente ordinaria: lui si chiama HutchMansell, svolge un lavoro d’ufficio e sembra vivere all’ombra della moglie in carriera. La sua relazione va a rotoli, il figlio maggiore, Blake, pensa sia un debole, mentre la piccola di casa, Abby sembra l’unica a vedere in lui una rassicurante figura paterna. Una notte, Hutch si accorge di un tentativo di rapina dentro casa: si rifiuta di fare mosse azzardate per contenere i danni e riesce a far scappare i ladri con pochi spicci, senza che nessuno si faccia male. Le voci gireranno e la sua immagine agli occhi di vicini e familiari sarà compromessa per sempre: Hutch è il “signor nessuno” che non ha difeso con forza i suoi cari. L’episodio genererà in lui una profonda frustrazione, ma un evento in apparenza banale tirerà fuori la sua vera natura e il suo oscuro passato: suo malgrado, Hutch si troverà a scontrarsi con la mafia russa.

Io Sono Nessuno è un film spassoso per diversi motivi: mette in luce la versatilità di Bob Odenkirk, questa volta in un ruolo “da figo” nel quale non siamo abituati a vederlo e ha una bella sceneggiatura, che alterna colpi di scena, momenti alti e battute esilaranti. Stilisticamente è un film che prende in giro un po’ tutto e tutti, inclusi certi capisaldi del genere action-thriller, come la serie de Il Giustiziere della Notte con Charles Bronson. Ad aggiungere valore al film c’è un cast valido e affiatato (oltre al bravissimo Odenkirk, svettano Serebrjakov e Lloyd su tutti) e una bella colonna sonora (da Nina Simone ad Edwin Starr) che sostiene le scene in modo impeccabile.

Io Sono Nessuno è un film da vedere, se quest’estate avete voglia di azione e non volete rinunciare alla leggerezza.

Lucia Gerbino

Giornalista specializzata in Musica, Cinema e Serie TV

Lucia Gerbino has 21 posts and counting. See all posts by Lucia Gerbino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: