Arrivano SmartThings Find e Galaxy SmartTag per trovare i tuoi oggetti ovunque

Samsung Electronics ha annunciato l’arrivo in Italia di SmartThings Find, un nuovo servizio che aiuta a rintracciare velocemente e facilmente i dispositivi Galaxy. SmartThings Find utilizza la Bluetooth Low Energy (BLE) e tecnologie ultra-wideband (UWB) per aiutare le persone a localizzare i propri smartphone, tablet, smartwatch e auricolari Galaxy.

“Utilizzando le ultime tecnologie in fatto di BLE e UWB, SmartThings Find rende la vita meno stressante permettendo di ritrovare facilmente i dispositivi Galaxy smarriti”, ha commentato Jaeyeon Jung, Vice President e Head of SmartThings Team, Mobile Communications Business di Samsung Electronics. “Sfruttando la Realtà Aumentata in combinazione con le mappe e gli effetti sonori, SmartThings Find è una soluzione semplice e intuitiva per riavvicinare il proprietario ai propri dispositivi. Questo è solo un esempio delle nuove e significative esperienze mobile che la tecnologia UWB porterà agli utenti”.

Dispositivi più semplici da trovare

Dopo aver completato un veloce processo di registrazione, gli utenti SmartThings possono localizzare facilmente i propri dispositivi Galaxy, a partire da smartphone, tablet e smartwatch, fino ai singoli auricolari. Che si tratti di un Galaxy Note20 Ultra caduto dietro il divano, dei Galaxy Buds Pro smarriti o di un Galaxy Watch3 nascosto così bene da non essere più ritrovato, il servizio SmartThings Find contribuisce a tenere al sicuro i dispositivi Galaxy, attraverso la semplice app dedicata.

Inoltre, grazie al nuovo localizzatore Bluetooth Galaxy SmartTag è ancora più semplice trovare i propri oggetti non connessi: è sufficiente attaccarlo alle chiavi, alla borsa o persino al collare del proprio animale domestico per rintracciarli facilmente.

Offline non significa scomparso

Con il servizio SmartThings Find è possibile localizzare facilmente il proprio dispositivo smarrito anche quando è offline. Questa funzionalità è permessa dagli utenti SmartThings che scelgono di utilizzare in modo sicuro il proprio smartphone o tablet Galaxy per aiutare gli altri a localizzare i propri dispositivi smarriti. Una volta che un dispositivo è rimasto offline per 30 minuti, emette un segnale BLE che può essere ricevuto da altri smartphone o tablet nelle vicinanze e la sua posizione viene inviata ai server SmartThings Find. Quando il proprietario ricerca il dispositivo smarrito con SmartThings Find, visualizzerà sulla mappa l’ultima posizione rilevata o riceverà una notifica appena sarà localizzato da un altro dispositivo. Tutti i dati degli utenti SmartThings Find sono crittografati e protetti in modo sicuro, assicurando che la posizione e i dati del dispositivo non siano rivelati a nessuno tranne che al rispettivo proprietario.

Indicazioni più dettagliate per trovare il proprio Galaxy più velocemente

Individuare il dispositivo smarrito è un gioco da ragazzi grazie alle indicazioni cartografiche integrate e alla possibilità di “far squillare” l’oggetto smarrito per ritrovarlo più rapidamente. Quando si perde un device, è sufficiente aprire SmartThings Find sul proprio smartphone o tablet e selezionare il dispositivo che si desidera individuare: la sua posizione esatta verrà così mostrata su una mappa. Una volta avvicinatisi al dispositivo, è possibile farlo “squillare” o individuarlo utilizzando la funzione di Ricerca nelle Vicinanze basata sulla realtà aumentata6, che mostra grafici a colori che aumentano di intensità avvicinandosi al dispositivo.

Disponibilità

A breve sarà rilasciato un nuovo aggiornamento per l’app SmartThings sugli smartphone e i tablet Galaxy con sistema operativo Android 8 o successivo. Una volta installato, gli utenti potranno accedere al servizio SmartThings Find utilizzando il banner dedicato nella schermata Home nell’app SmartThings. Le SmartTag vengono vendute al costo di 34,9€

Redazione Gogeek

La redazione di Gogeek.it

    Redazione Gogeek has 284 posts and counting. See all posts by Redazione Gogeek

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: