The Mandalorian: per le riprese è stata usata una Canon EOS 5D

Quando pensiamo a Star Wars, ricordiamo tutti le iconiche scene nello spazio e non possiamo non pensare che, dietro a quelle scene, ci sia un grande lavoro di grafica e tecnologie all’avanguardia. L’uso della CGI è ovviamente fondamentale per una serie di questo tipo ma, nel caso dello spinoff The Mandalorian, i produttori hanno deciso di fare ricorso anche a tecniche, per così dire, più tradizionali.

Il creatore della serie Disney+, Jon Favreau, ha affidato la costruzione di un modellino dell’astronave Razor Crest alla Industrial Light & Magic. Realizzata dal genio di John Goodson e stampata con una stampante 3D, la Razor Crest è poi stata ripresa con una Canon EOS 5D Mark III (una fotocamera del 2012, sostituita alcuni anni fa dalla versione Mark IV) con il 28mm di Nikon. E non è tutto: a realizzare le riprese è stato niente meno che John Knoll, uno dei creatori di Photoshop.

Sul canale dell’ILM è possibile vedere il dietro le quinte delle riprese e alcune chicche raccontate dalla casa di effetti speciali fondata da George Lucas.

 

Perché scegliere una tecnologia non proprio di ultimo grido, per una produzione così importante? Non è possibile dare una risposta certa a questa domanda. Probabilmente, questa scelta nasce dall’idea di omaggiare le tecniche tradizionali, che hanno caratterizzato i primi Star Wars. Tuttavia, questa tecnologia si è dimostrata affidabile – soprattutto per le riprese in stop-motion – e sicuramente sufficiente alla realizzazione di un prodotto di qualità.

Silvia Gerbino

Fotografa professionista, specializzata in ritratto ed eventi

Silvia Gerbino has 12 posts and counting. See all posts by Silvia Gerbino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: