Gigi Proietti, da gatto Silvestro a Gandalf: ecco i suoi doppiaggi più “nerd”

Ci ha lasciati il 2 novembre Gigi Proietti, grande attore, comico, regista, conduttore e chi più ne ha più ne metta. Se ne è andato proprio nel giorno del suo 80esimo compleanno: una vera e propria “mandrakata”, l’hanno definita in molti.

E mentre la città di Roma si sta già muovendo per intitolargli il Silvano Toti Globe Theatre, nato da una sua idea e da lui diretto con tanta passione, su queste pagine lo vogliamo salutare ricordando alcuni dei suoi ruoli da doppiatore più “nerd”: da gatto Silvestro al Genio della Lampada, senza dimenticare che nella trilogia de Lo Hobbit ha “vestito” anche i panni di Gandalf. 

Gigi Proietti è gatto Silvestro

Negli anni 60, Proietti è stato la voce – per la prima edizione televisiva – di Silvestro, il gatto dei Looney Tunes ossessionato dalla sua intenzione di catturare Titti, il canarino. Il gatto ha poi avuto numerosi altri doppiatori, che potrete scoprire in questo video.

L’urlo di Rocky è di Proietti

L’urlo “Adriana” in Rocky? Beh, è anche grazie a Gigi Proietti che lo ricordiamo così bene! Gigi infatti è stato il doppiatore dell’allora esordiente Sylvester Stallone nel primo“Rocky” del 1976. Nei sequel invece la voce di Rocky in italiano è quella di Ferruccio Amendola.

Aspettando Creed: le 6 scene più belle della saga di Rocky- Film.it

Due draghi in La Spada Magica

Sempre in tema cartoni animati, Gigi Proietti ha sdoppiato la sua voce per prestarla a Devon e Cornelius, i due draghi siamesi de La spada magica – Alla ricerca di Camelot (1976). I due draghi condividono lo stesso corpo, ognuno dotato di una propria personalità ma non vanno particolarmente d’accordo e vorrebbero dividersi, come raccontano nella canzone “Ma con me ci sei tu”, cantata proprio da Gigi.

Gigi Proietti e il suo Genio in Aladdin

Non c’è neanche bisogno di ricordarlo, in realtà: Gigi Proietti è il Genio di Aladdin, nel classico di animazione Disney del 1992, che in lingua inglese era invece doppiato da Robin Williams, scomparso anch’egli nel 2014. Non c’è dubbio che in questo lungometraggio Gigi abbia dato veramente il meglio di sé, divertendosi a cambiare  in continuazione forma e colore alla sua voce: un’interpretazione davvero indimenticabile che per tanti è in qualche modo un simbolo dell’infanzia.

Proietti è stato la voce del Genio anche nei due sequel “Il ritorno di Jafar” e “Aladdin il re dei ladri”, distribuiti soltanto in home video, e nei due videogiochi ispirati al film, La sfida per Agrabah e La bottega dei giochi di Aladdin. 

Nel live action del 2019 invece Gigi Proietti ha doppiato il sultano, padre di Jasmine, interpretato da Navid Negahban. 

Draco, l’ultimo drago

Una piccola coincidenza da spezzare il cuore: in Dragonheart (1996) Draco, l’ultimo drago rimasto  è stato doppiato in lingua originale da Sean Connery, scomparso il 31 ottobre 2020, e in italiano invece da Gigi Proietti. In particolare pare che per aiutare ad animare le espressioni facciali di Draco fossero stati scattati dei primi piani di Connery dai suoi film precedenti per “riprodurli”.

Proietti diventa Gandalf in Lo Hobbit

Concludiamo il nostro piccolo omaggio con il grande Gandalf. Nel 2012 Proietti venne infatti scelto per prestare la sua voce a Sir Ian Murray McKellen, nei panni di Gandalf, nella trilogia de Lo Hobbit, andando a “sostituire” Gianny Musi che aveva doppiato Gandalf nella precedente trilogia di Peter Jackson.

 

Giorgia Fanari

Giornalista, blogger, ambientalista. Testa rossa, sempre. Amo i viaggi, la fotografia e la tecnologia.

Giorgia Fanari has 6 posts and counting. See all posts by Giorgia Fanari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: